(disegno di cyop&kaf)

(disegno di cyop&kaf)

La polveriera

Ancora una volta si è dovuto verificare un drammatico fatto di cronaca per riportare all’attenzione nazionale la complessa vicenda di Castel Volturno, dove ormai da anni una numerosa comunità africana vive nell’abbandono più assoluto.

A qualche settimana di distanza dal ferimento di due ragazzi ghanesi abbiamo riletto le cronache dei quotidiani, le testimonianze e le dichiarazioni ufficiali provando a dare un ordine a quest’insieme di voci, ricostruendo i fatti, mettendo in evidenza i vari punti di vista e descrivendo quali sono state le decisioni prese dal governo per far fronte a questa nuova emergenza. Infine, abbiamo provato a raccontare la complessa realtà che caratterizza oggi Castel Volturno e abbiamo cercato di elencare alcune possibili politiche da intraprendere.

Domenica 13 luglio, Cesare Cipriano, un ragazzo di ventun’anni, ha sparato alle gambe di due ragazzi ghanesi ferendoli gravemente. Secondo quanto ha raccontato al giudice per le indagini preliminari, sarebbe intervenuto in difesa dello zio Pasquale, che poco prima aveva avuto un’accesa discussione con un ragazzo ghanese, Yussef, accusato di aver rubato una bombola di gas. Accusa che Yussef aveva respinto affermando che la bombola era di sua proprietà. Da lì è nata una discussione. In difesa di Yussef è intervenuto Nicolas, un connazionale che era lì di passaggio. La discussione è degenerata in una colluttazione. Poi, dopo una decina di minuti è sceso in strada Cesare Cipriano e ha sparato.

Pag. 2, 3, 4 e 5 – La polveriera Castel Volturno – Dopo il ferimento in estate di due africani e le manifestazioni contrapposte di bianchi e neri, il governo ha preso delle misure che riguardano l’ordine pubblico ma non gli investimenti, la salute, la convivenza. Attori e scenari di una situazione esplosiva.

Pag. 6 e 7 – Quarant’anni e quattro figli – Sposata e con un figlio, Maria è partita dalla Nigeria a sedici anni. Appena arrivata è stata venduta agli sfruttatori per cinquanta milioni e messa a fare la prostituta in strada. Da allora sono passati quasi trenta anni. Così, Maria racconta la sua storia.

Pag. 8, 9, 10 e 11 – Il Vangelo nell’altra Africa – Il comboniano Giorgio Poletti è arrivato a Castel Volturno nel 1994, di ritorno dall’Africa. Racconta l’impatto con la prostituzione, le messe in pineta per i tossici, le iniziative sempre più politiche, fino ai permessi di soggiorno “in nome di Dio”.

Pag. 12 e 13 – Viaggi al termine della notte – Emanuele viene dal Gambia. Voleva raggiungere la Grecia ma si è fermato a Castel Volturno. Negli anni Ottanta gli stranieri erano pochi. Ha cominciato a vendere droga. Poi è andato al nord, ha lavorato, ha smesso, è ricaduto. Infine è tornato.

Pag. 14 e 15 – Un’odissea di vent’anni – Domenica è arrivata in Italia dal Ghana nel 1992, a venticinque anni. Donna di servizio a Villa Literno, operaia in fabbrica a Brescia e Pordenone, poi il negozio di parrucchiera, l’import-export, un bar a Castel Volturno, un figlio e la voglia di tornare.

Pag. 16 e 17 – Ascoltare come prima cura – A colloquio con Gianni Grasso, medico di base, punto di riferimento per le donne africane che vivono a Castel Volturno. La necessità dell’ascolto, la pratica del consiglio, le strategie di una medicina povera che in questi anni ha aiutato migliaia di persone.

Pag. 18 e 19 – Dodici pollici – Libri: Camorra Sound, di Daniele Sanzone; Tra le macerie, di Davide D’Urso; I Buoni, di Luca Rastello. Giornalismi: Un archivio di storie contro i luoghi comuni. 

Con i testi di jefferson seth annan, salvatore porcaro, sara pellegrini, riccardo rosa, luca rossomando e i disegni di cyop&kaf, sam3, diegomiedo

( copertina di cyop&kaf )

Regione Campania, Commissione antimafia: presidente indagata per voto di scambio di stampo mafioso. Come se un sindaco ex giudice facesse apologia dell’anarchia.

flash

rubrica: verissimo

verissimo

Antonio Bove è nato a Napoli nel 1975. Fa il medico, però non dal 1975.
Si lascia spesso trascinare dagli eventi, dalla politica, dalla musica e dalla maglia azzurra. Però non è un cattivo soggetto, sono cattive le compagnie.

Ninuccio l’americano

È stato facile, a posteriori, dire che Ninuccio fosse una capa gloriosa. Suo fratello Vittorio, però, dice che in famiglia lo avevano capito prestissimo. Aveva dodici anni, quando gironzolando per il porto di Pozzuoli decise di andare incontro all’America. Le banchine brulicavano di yankees, la guerra era finita da poco e le città erano invase da militari che andavano in giro a donne, si ingozzavano di whisky e si facevano fare i pacchi. Ninuccio li guardava affascinato dalla loro parlata, lo affascinavano la camminata dinoccolata, […]

La banalità del bene

Di ritorno da un viaggio ad Amsterdam, Fabio e Antonello raccontano di non essere stati colpiti tanto dai Coffee Shops, dal quartiere a luci rosse e dalle libertà legalizzate a uso dei turisti ma da cose più banali. E perciò inattese. «Abbiamo camminato mano nella mano per strada senza che nessuno ci guardasse male. Il primo giorno ci contenevamo, poi ci siamo liberati e sentiti a nostro agio». Sicuramente, nonostante smentite e rassicurazioni, i due si saranno aperti il cranio a botta di hashish e […]

Tre anni. Una montagna di barattoli di vernice come un ossario. Cataste di vestiti sporchi, scarpe macchiate di vernice, incontri inediti, chitammuorti. Una fatica enorme. Senza nemmeno un euro. È tutto vero, Quore Spinato è una delle cose verissime che accadono da queste parti. Sono anni che Cyop&Kaf abita le strade della città prendendo forme differenti come uno spirito. Bare, cardinali filiformi, papere che cacano bare. Indipendentemente dal gusto che, a seconda delle situazioni, fa storcere il naso o sbavare di ammirazione, quello che conta […]

Nunc est bibendum

Erano arrivati impreparati all’ultimo decennio del Novecento, Tony e Gaetano. Erano anni in cui non c’era più un cazzo, defunti i paninari e gli yuppies, gli ultimi guerrieri punk si aggiravano come zombie in città che li rigettavano come corpi estranei. Disperati e drogati come gli indiani delle riserve. Il crollo di praticamente tutto aveva lasciato briciole di fronte al grande Niente. I loro coetanei si affacciavano al futuro facendo un patto nuovo col Capitale, prestandogli il cervello in cambio di un tenore di vita […]

Senghetelle

Jenny è pazza. Non conosce la canzone di Vasco ma le sue amiche non hanno dubbi sulle condizioni della sua psiche. «Pensa che una volta ha mandato per sbaglio un sms d’amore a un tipo che le piaceva ma ha sbagliato numero e l’ha mandato al suo fidanzato. Allora lui era tutto contento perchè si pensava che era dedicato proprio a lui! Hai capito!?». Mentre Titti racconta le incredibili avventure di Jenny, Biagio Antonacci è una persecuzione dagli altoparlanti al soffitto. Quarto Nuovo è l’ipermercato […]

Tanta voglia di me

«Eiaculare è bellissimo». La discussione con Mimmo, all’ombra dei teloni del Mambo Pub prende subito una piega scivolosa. È ormai celebre l’apprezzamento di Woody Allen per la masturbazione in quanto rapporto sessuale con qualcuno che si stimi veramente. Mimmo è d’accordo senza aver mai visto un suo film ma con una cultura in tema di hard da cattedra universitaria. È dura la vita, a Calvizzano. All’affacciarsi della pubertà, mentre sfianchi il corpo gonfio di ormoni col calcetto e la bicicletta e decine di ore chiuso […]

Holidays in Borgagne

Appena nomini il sud si parla di turismo. Dagli anni Novanta è diventata proprio una malattia. Solo il turismo ci può salvare. C’è bisogno di investire in infrastrutture per il turismo. In realtà ci pensavano perché era finito l’intervento della Cassa del mezzogiorno e a zizzinella asciutta non veniva in mente a nessuno di parlare di catene di montaggio. E così parlavano del turismo, pure per dire qualcosa. I turisti in realtà sono anni che vengono al sud ma solo in determinati posti. Si ammassano in quelle località […]

Ambrosone

«Pronto… Professore… Mi dovete aiutare». «Ma che è uno scherzo? Chi è?». «Professò sono Ambrosone, scusate se vi chiamo a quest’ora di domenica… ». «Effettivamente è ora di pranzo…». «Professò voi mi dovete aiutare, io sto male. Troppo male». «Senta, guardi, mi chiami tranquillamente dottore… Mi vuole spiegare di cosa si tratta? Per chiamare di domenica deve trattarsi di un’urgenza». «Ma certo Professore, e se no mica vi disturbavo. È un’urgenza che tengo da un paio d’anni…».  «Un paio d’anni? Ma che urgenza è?». «Prufessò l’urgenza è […]

Terremoti

Il peggio veniva la sera e non per Augusto. Prima di andare a letto, sua moglie provava a portare a termine l’incredibile lavoro che era diventato vivere una giornata normale, con lui perduto nel micromondo della camera da letto, preoccupato da rituali spontanei per tutti, meno che per la sua mente devastata. Veniva da Finale Emilia, Augusto, e se fosse ancora vivo non avrebbero cambiato quel suo sguardo perplesso e distante, le immagini del sisma emiliano. Le avrebbe guardate come ogni altra cosa, dal suo […]

Addavenì

Succedono cose vere, per strada. Poi anche cose verissime. Quelle che sono talmente vere che quando le racconti tutti pensano che sia una palla. Sono sempre accadute, anche in passato, ed è un lavoro necessario cominciare a raccontarle, come nel caso di Melione, sul quale se ne dicono molte. Dice che Melione era talmente tanto tempo che lo chiamavano così che si era dimenticato pure lui il nome dell’anagrafe. Nell’estate del 1939, quando arrivò la cartolina di precetto, sua moglie era morta da qualche anno mangiata dalle […]

Pagina 1 di 21

Regione Campania, Commissione antimafia: presidente indagata per voto di scambio di stampo mafioso. Come se un sindaco ex giudice facesse apologia dell’anarchia.

flash

torna su

  • #000000
  • #FFFFFF
  • ----------
  • #1A181C
  • #1A181C
  • #006759
  • #A0D3C5
  • #00A48B
  • #1A181C
  • #000000
  • #FFFFFF
  • ----------
  • #1A181C
  • #004A3F
  • #006759
  • #A0D3C5
  • #00A48B
  • #004A3F
  • #000000
  • #FFFFFF
  • ----------
  • #1A181C
  • #004A3F
  • #006759
  • #A0D3C5
  • #00A48B
  • #006759
  • #000000
  • #FFFFFF
  • ----------
  • #1A181C
  • #004A3F
  • #006759
  • #A0D3C5
  • #00A48B
  • #A0D3C5
  • #000000
  • #FFFFFF
  • ----------
  • #1A181C
  • #004A3F
  • #006759
  • #A0D3C5
  • #00A48B
  • #00A48B