(disegno di erica il cane)

(disegno di erica il cane)

Mente e cuoio

Giovedì 12 giugno, a San Paolo, Brasile e Croazia hanno dato il via al mondiale di calcio. Nei mesi precedenti, i media di tutto il pianeta hanno mostrato immagini di scontri violenti, di aggressioni della polizia nei confronti degli abitanti delle zone più povere delle città brasiliane, allontanati dalle proprie case per fare spazio ai nuovi stadi e garantire un’atmosfera “decorosa” in vista delle partite. Sgomberi e arresti, la cui violenza sembrava dettata, più che da una necessità di “sbrigare velocemente la pratica”, da quella di non lasciare nessuno spazio alla trattativa o alla reazione. Scene che si riproducono ogni volta che un evento del genere approda in un paese dove forti sono le diseguaglianze e limitato il sostegno dello stato per la popolazione, che osserva i governi e gli sponsor investire centinaia di milioni per la costruzione di impianti e infrastrutture spesso inutili.

Da questa parte dell’oceano l’appassionato-tipo di calcio, magari anche quello dotato di senso critico, prova a trovare un equilibrio tra ragione e passione, tra l’indignazione per ciò che sta accadendo in Brasile oggi, in Sudafrica ieri, e l’irresistibile calamita che lo porta a recarsi in uno stadio, accendere una tivvù o una radio ogni qual volta c’è un pallone che rotola. La battaglia interiore è la stessa, che l’oggetto del desiderio sia una partita di campionato falsata per uno scandalo scommesse o un mondiale eticamente “sporco” come ce ne sono stati parecchi.

Protagonisti in prima persona di queste irrisolvibili scelte, abbiamo deciso in questo numero di raccontare il mondo del calcio cittadino seguendo quelle che ci sembravano le direttrici più oneste. Non la passione o la fede, non l’analisi sociologica, ma la narrazione di storie, più o meno veritiere, che forse sono proprio all’origine della nostra incapacità di rompere del tutto i legami con quello che, in fondo, è l’amore più antico della nostra vita.

Pag. 2 e 3 - Notti magiche, secondo atto - Il sindaco de Magistris organizza un mondiale parallelo in solidarietà con la popolazione brasiliana. Nelle piazze e nei parchi della città si sfidano selezioni di artisti e personaggi famosi. La Campania vuole il titolo ma spunta una outsider Pag. 4 e 5 - Calcio popolare uncensored - Tra le squadre del “calcio popolare” la Lokomotiv Flegrea è l’ultima arrivata. Un viaggio all’interno del movimento, tra sacrifici economici, sfide tecniche e desiderio di aprirsi al territorio. Luci e ombre del primo anno in terza categoria

Pag. 6 e 7 - La prima industria del paese - Nella redazione sportiva della tv locale si vive per il calcio. Si costruiscono a tavolino le bufale del calciomercato, si prendono in giro i dirigenti delle squadre minori, si fanno pronostici tutti sbagliati. E gli altri sport finiscono quasi sempre in coda al tg Pag. 8 e 9 - Alla periferia del pallone - Ciccio Ripa è il bomber dell’Arzanese, l’uomo che fa la differenza nella serie C2. Francesco Sorrentino a quindici anni era pronto per essere lanciato in serie A. Poi una misteriosa malattia lo ha portato dal campo di calcio alla macchina per cucire Pag. 10 e 11 - Poster – Brasil 2014: Mondiali alla griglia Pag. 12 e 13 - Menti aperte e porte chiuse - Tre esperienze di occupazione dislocate nel tempo: Berlino, Montesanto, Spaccanapoli. Gli esempi di convivenza con il diverso, la ricerca di un equilibrio tra chi è dentro e chi è fuori, le trappole del legalitarismo e dell’apertura indiscriminata Pag. 14 e 15 - Il centro dell’Africa - La vita di Mary Osei, ghanese, in Italia da trentotto anni. Approdata a Castel Volturno negli anni Ottanta, quando gli africani erano ancora pochi, c’era il lavoro e le case lasciate vuote dai vacanzieri. Oggi ha aperto un centro culturale dedicato a Makeba Pag. 16 e 17 - Le battaglie di Mario - Mario Luise è stato sindaco di Castel Volturno a più riprese, negli anni Settanta e nei Novanta. Nel suo racconto i traumi della cementificazione del lungomare, l’arrivo dei terremotati e poi degli immigrati, le battaglie per porre un argine alla devastazione Pag. 18 e 19 - Dodici pollici - LavoroIl suicidio di Maria e i reparti confino in Fiat; Musica: Figli e figliastri, di Franco Ricciardi;  Televisione: Gomorra la serie; Video: La Napoli dei Jackal Con i testi di - riccardo rosa, davide schiavon, alessandro cocorullo, -ma, jefferson seth annan, salvatore porcaro, luca rossomando e i disegni di - erica il cane, schiavon, malov, ottoeffe, cyop&kaf, monica mazur, diego miedo

( copertina di erica il cane )

Cesaro non va arrestato: per il Tribunale del riesame nelle intercettazioni mancano gli elementi per accertarne la colpevolezza. Mistero anche sugli indizi per scoprirne la lingua.

flash

17 marzo 2012

È solo la prima puntata di una storia fosca (cit.). Ricostruiti anni di violenze che hanno esasperato i cittadini (cit.). Non stiamo parlando di una prossima fiction sulla banda della Magliana. In quel caso i protagonisti avrebbero goduto di maggiore popolarità perché la moda in tv è trasformare gli autori di delitti (meglio se stragi) in divi più che in criminali. Per i disoccupati nostrani è diverso. Non sono più giovani, non sparano, non si circondano di donne, non navigano nel denaro, non tirano su coca, non sono dannati e destinati a una morte precoce (magari in un bel conflitto a fuoco). Ma sembra che solo da una loro cattura possano scaturire sonni tranquilli per la città.

Nelle sedi dei loro movimenti, i disoccupati di lunga durata coltivavano la strategia delle minacce, preparando le “anti regate”, raid, incursioni contro i grandi eventi. Non si trattava per la Procura di legittime proteste. Un’inchiesta rilegge i quasi due anni di guerriglia, blocchi e danneggiamenti firmati dai senza lavoro storici, dall’aprile 2010 a oggi. Quindici, complessivamente, gli indagati. Perquisizioni a carico di quattro leader storici […] I pm sottolineano che gli indagati «usavano violenza e minaccia per assicurarsi la continuità del reddito assistenziale previsto dal progetto Bros; per condizionare e paralizzare l’attuazione del piano lavoro varato dalla nuova Regione, promuovendo e attuando illecite occupazioni di varie sedi, consiglio regionale, Inail, Equitalia» […] La Procura individua lo scopo di fondo: «la convergenza delle scelte delle amministrazioni regionale, provinciale e comunale da assicurare» a quei precari Bros «eventualmente costituiti in nuove forme o coop, all’uopo avvalendosi di finanziamenti pubblici da distogliere dai fini istituzionali ai quali quei fondi erano già destinati», in vista di servizi pubblici collegati al settore ambiente in occasione del Forum. (conchita sannino, la repubblica napoli, 17 marzo 2012)

Lo chiede l’Europa (cit.). È una frase molto gettonata da alcuni anni a questa parte. Ogni individuo la può usare per allontanare da sé qualsivoglia responsabilità presente e futura per gli eventuali danni che potrebbero derivare da azioni da lui stesso approvate e sottoscritte. È curioso ricordare come lo stesso criterio non fu ritenuto accettabile quando lo utilizzarono i nazisti messi alla sbarra durante il processo di Norimberga, i quali tentarono di giustificarsi con un ragionamento altrettanto semplice e auto assolutorio: «Ho soltanto eseguito gli ordini».

Sì al termovalorizzatore nel Giuglianese, ma solo per bruciare le balle. Lo hanno detto i sindaci di Giugliano, Giovanni Pianese, e Villa Literno, Nicola Tamburrino […] Al centro dell’incontro la necessità di smaltire i rifiuti imballati depositati a Taverna del Re (Giugliano) e Lo Spesso (Villa Literno). Lo chiede l’Europa. Lo prevede la legge del 2009 che ha chiuso la lunga emergenza […] L’impianto, quindi, sarà costruito e nelle prossime settimane il governatore Stefano Caldoro nominerà il commissario che dovrà provvedere alla progettazione e all’appalto. Potrebbe trattarsi del professor Alberto Carotenuto, che già riveste lo stesso ruolo per l’impianto di Napoli est per il quale, non bisogna dimenticarlo, è ancora in corso il cosiddetto “dialogo competitivo” che dovrebbe portare alla redazione finale del progetto (e questa fase è quasi ultimata) e alla valutazione della parte economica. Un processo che continua, però, a scontrarsi con la più volte ribadita volontà del sindaco de Magistris di non avere un termovalorizzatore sul proprio territorio. (daniela de crescenzo, il mattino, 17 marzo 2012)

Graziano: «Siamo in ritardo». De Magistris e Caldoro: «Ce la faremo». Il simpatico siparietto mi ricorda un vecchio film di Kieslowski sulla Polonia degli anni Ottanta. Il protagonista corre per cercare di salire al volo su un treno appena partito. Il regista immagina quali svolte possa prendere la sua vita in base al successo o al fallimento di questo tentativo. Ipotizza tre scenari diversi: 1) Witek per un pelo riesce ad entrare in carrozza; 2) Witek non ce la fa per un soffio a prendere il treno e litiga con il capostazione; 3) Witek guarda rassegnato i vagoni ormai lontani ma accetta serenamente il fatto.

Mancano ventuno giorni all’inizio delle regate, la prossima settimana sbarcheranno gli atleti, gli americani del team sono in città a fare sopralluoghi, la macchina America’s Cup è in piena attività. Eppure, nessuna novità arriva sul fronte lavori in Villa Comunale. Tutto fermo, prosegue soltanto il recupero della Cassa armonica. Ma il progetto del villaggio, affidato alla società vincitrice della gara Jumbo Grandi Eventi (in cordata assieme a Infront e Key Event) resta, per il momento, al palo. Un ritardo evidente che preoccupa anche i vertici della società di scopo Acn, nata con Comune, Regione, Provincia e Unione industriali proprio allo scopo di coordinare l’evento. «Siamo in ritardo di circa rispetto al crono programma – ammette il presidente degli industriali e amministratore unico della società Acn Paolo Graziano – perché siamo partiti in ritardo e poi ci sono stati altri intoppi durante il percorso» […] È necessario uno scatto, serve uno sprint finale per raggiungere il traguardo. (tiziana cozzi, la repubblica napoli, 17 marzo 2012)

In tutti e tre i casi, il film finisce male.

a cura di tommaso aniello

Lascia un commento

Cesaro non va arrestato: per il Tribunale del riesame nelle intercettazioni mancano gli elementi per accertarne la colpevolezza. Mistero anche sugli indizi per scoprirne la lingua.

flash

torna su

  • #000000
  • #FFFFFF
  • ----------
  • #1A181C
  • #1A181C
  • #006759
  • #A0D3C5
  • #00A48B
  • #1A181C
  • #000000
  • #FFFFFF
  • ----------
  • #1A181C
  • #004A3F
  • #006759
  • #A0D3C5
  • #00A48B
  • #004A3F
  • #000000
  • #FFFFFF
  • ----------
  • #1A181C
  • #004A3F
  • #006759
  • #A0D3C5
  • #00A48B
  • #006759
  • #000000
  • #FFFFFF
  • ----------
  • #1A181C
  • #004A3F
  • #006759
  • #A0D3C5
  • #00A48B
  • #A0D3C5
  • #000000
  • #FFFFFF
  • ----------
  • #1A181C
  • #004A3F
  • #006759
  • #A0D3C5
  • #00A48B
  • #00A48B