(disegno di cyop&kaf)

(disegno di cyop&kaf)

La polveriera

Ancora una volta si è dovuto verificare un drammatico fatto di cronaca per riportare all’attenzione nazionale la complessa vicenda di Castel Volturno, dove ormai da anni una numerosa comunità africana vive nell’abbandono più assoluto.

A qualche settimana di distanza dal ferimento di due ragazzi ghanesi abbiamo riletto le cronache dei quotidiani, le testimonianze e le dichiarazioni ufficiali provando a dare un ordine a quest’insieme di voci, ricostruendo i fatti, mettendo in evidenza i vari punti di vista e descrivendo quali sono state le decisioni prese dal governo per far fronte a questa nuova emergenza. Infine, abbiamo provato a raccontare la complessa realtà che caratterizza oggi Castel Volturno e abbiamo cercato di elencare alcune possibili politiche da intraprendere.

Domenica 13 luglio, Cesare Cipriano, un ragazzo di ventun’anni, ha sparato alle gambe di due ragazzi ghanesi ferendoli gravemente. Secondo quanto ha raccontato al giudice per le indagini preliminari, sarebbe intervenuto in difesa dello zio Pasquale, che poco prima aveva avuto un’accesa discussione con un ragazzo ghanese, Yussef, accusato di aver rubato una bombola di gas. Accusa che Yussef aveva respinto affermando che la bombola era di sua proprietà. Da lì è nata una discussione. In difesa di Yussef è intervenuto Nicolas, un connazionale che era lì di passaggio. La discussione è degenerata in una colluttazione. Poi, dopo una decina di minuti è sceso in strada Cesare Cipriano e ha sparato.

Pag. 2, 3, 4 e 5 – La polveriera Castel Volturno – Dopo il ferimento in estate di due africani e le manifestazioni contrapposte di bianchi e neri, il governo ha preso delle misure che riguardano l’ordine pubblico ma non gli investimenti, la salute, la convivenza. Attori e scenari di una situazione esplosiva.

Pag. 6 e 7 – Quarant’anni e quattro figli – Sposata e con un figlio, Maria è partita dalla Nigeria a sedici anni. Appena arrivata è stata venduta agli sfruttatori per cinquanta milioni e messa a fare la prostituta in strada. Da allora sono passati quasi trenta anni. Così, Maria racconta la sua storia.

Pag. 8, 9, 10 e 11 – Il Vangelo nell’altra Africa – Il comboniano Giorgio Poletti è arrivato a Castel Volturno nel 1994, di ritorno dall’Africa. Racconta l’impatto con la prostituzione, le messe in pineta per i tossici, le iniziative sempre più politiche, fino ai permessi di soggiorno “in nome di Dio”.

Pag. 12 e 13 – Viaggi al termine della notte – Emanuele viene dal Gambia. Voleva raggiungere la Grecia ma si è fermato a Castel Volturno. Negli anni Ottanta gli stranieri erano pochi. Ha cominciato a vendere droga. Poi è andato al nord, ha lavorato, ha smesso, è ricaduto. Infine è tornato.

Pag. 14 e 15 – Un’odissea di vent’anni – Domenica è arrivata in Italia dal Ghana nel 1992, a venticinque anni. Donna di servizio a Villa Literno, operaia in fabbrica a Brescia e Pordenone, poi il negozio di parrucchiera, l’import-export, un bar a Castel Volturno, un figlio e la voglia di tornare.

Pag. 16 e 17 – Ascoltare come prima cura – A colloquio con Gianni Grasso, medico di base, punto di riferimento per le donne africane che vivono a Castel Volturno. La necessità dell’ascolto, la pratica del consiglio, le strategie di una medicina povera che in questi anni ha aiutato migliaia di persone.

Pag. 18 e 19 – Dodici pollici – Libri: Camorra Sound, di Daniele Sanzone; Tra le macerie, di Davide D’Urso; I Buoni, di Luca Rastello. Giornalismi: Un archivio di storie contro i luoghi comuni. 

Con i testi di jefferson seth annan, salvatore porcaro, sara pellegrini, riccardo rosa, luca rossomando e i disegni di cyop&kaf, sam3, diegomiedo

( copertina di cyop&kaf )

Regione Campania, Commissione antimafia: presidente indagata per voto di scambio di stampo mafioso. Come se un sindaco ex giudice facesse apologia dell’anarchia.

flash

I cavalli non scommettono sugli uomini

titolo

Fotoreportage di emanuele gaudioso / testo di davide schiavon

Un centinaio di persone legate al mondo dell’ippica napoletana, driver e dipendenti dell’ippodromo di Agnano, stanno protestando a Napoli. I manifestanti occupano la rampa dello stadio San Paolo, la stradina che consente l’ accesso delle squadre nel ventre dell’impianto dove stasera è in programma la partita Napoli-Catania. Sul posto ci sono anche una decina di cavalli. (repubblica.it, 2 febbraio 2013)

Quando ci si avvicina per la prima volta al mondo dell’ippica si ha l’impressione di assistere a un declino fisiologico. Fino a dieci anni fa le corse raccoglievano un enorme bacino di persone – e di soldi – , ora non più. Meno spettatori, meno corse, meno scommesse. La crisi dell’ippica non è però assimilabile alla generale “crisi economica”. È di certo un fenomeno unicamente italiano. In pochi anni le percentuali spettanti all’ippica derivate da un giro d’affari di ottanta miliardi di euro l’anno si sono drasticamente ridotte. Dal 70% all’1,2 appena. Denaro che, attraverso le scommesse, tornava ad alimentare il sistema. Giudici di gara, fantini, allevatori e allenatori, veterinari, dipendenti degli ippodromi, driver, trasportatori. Circa sessantamila sono i lavoratori dell’ippica italiani. Gran parte di queste persone non percepisce stipendio da sette mesi. Il Ministero delle finanze, dopo aver tagliato in maniera sconsiderata, ha bloccato i fondi. La crisi non è fisiologica – in Francia, ad esempio, il settore è in crescita, le tribune sono gremite – , l’ippica non sta morendo di vecchiaia.

Venerdì il mondo dell’ippica si è riunito in via XX settembre, a Roma, per manifestare sotto il Ministero delle finanze. Arriviamo alle nove, quando le persone radunate sono circa cinquanta. Ci sono romani e pugliesi, a rappresentare rispettivamente gli ippodromi delle Capannelle e l’ippodromo Paolo Sesto. Lanciano cori, suonano tamburi, gridano all’indirizzo del ministro Catania. Nonostante il timore iniziale di alcuni («Se non vengono i napoletani siamo fritti»), in un paio d’ore arrivano più di mille persone; arrivano da Milano, dalla Toscana, alcuni dalla Sardegna. Un signore in carrozzella mi spiega che i suoi nipoti, tutti fantini, sono costretti ad andare in Francia per partecipare alle corse. Lì, infatti, i premi sono dieci volte superiori a quelli italiani. «Quanto a me, nonostante la protesi, ho montato nuovamente a cavallo. L’avevo promesso a tutti, i medici dicevano che non sarei stato più in grado di camminare». Arrivano anche i napoletani. Qualche petardo comincia a scoppiare. Camionette della polizia e della guardia di finanza arrivano a chiudere la strada. Un petardo esplode ferendo un controllore dell’Atac a una gamba. Nulla di grave, comunque, la tensione sale per qualche istante, poi tutto torna tranquillo.

Antonio è di Fermo, fa l’allevatore, ha solo tre cavalli. Tutti gli altri li ha dovuti vendere. Parlando mi colpisce ripetutamente al petto rigirandomi le domande. Mi chiede: «Tu che avresti fatto?». Qualcuno l’ha dovuto dare al mattatoio: «Mi vuoi chiama’ assassino? Fallo!». A essere colpita è tutta la filiera, i piccoli produttori, pur non volendo, si trovano costretti – dati i costi elevati – a vendere o regalare i cavalli. Coloro che possono permetterselo vanno a correre all’estero. In un lungo periodo di attesa, dopo che alcuni delegati sindacali sono saliti a parlare con un sottosegretario del ministero, ci lasciamo affascinare dalle tante storie e dai volti dei manifestanti. In disparte si parla di Cash Asmussen, fenomenale fantino americano che sotto la sella metteva sempre un dollaro, il suo portafortuna. Arrivano “a portare solidarietà” Maurizio Mattioli, attore romano e proprietario di cavalli e Micheal Cadeddu, attore e fantino. Visibilmente più sereni degli altri.

Si spera che il ministero dia buone notizie. Servirebbe innanzitutto lo sblocco dei fondi, poi una riforma del sistema. «Via il totalizzatore, i cavalli devono essere giocati a quota fissa, come nel calcio!». Poi una più equa ripartizione degli incassi. Qualcuno scherza, un modo per lenire la tensione: «Ah, ci sei pure tu qui? I soldi che hai perso a Tor di Valle li vuoi recuperare dal ministro?». Tra i manifestanti si aggira Matteo Corsini, candidato alle regionali del Mir, “Moderati in rivoluzione”. Qualcuno ha dato fuoco alla sua bandiera, dice, mentre affannosamente cerca un fotografo che abbia immortalato il momento. L’attesa si fa sfiancante, all’indirizzo del balcone parte un lancio di uova e arance, la polizia avanza, i manifestanti si fermano. Verso mezzogiorno esce Faticoni, presidente dell’associazione Roma Trotto Italia. La notizia è che il ministero ha sbloccato trenta milioni di euro. Una miseria, peraltro non supportata neanche da un accenno di riforma del sistema.

I manifestanti si sentono presi in giro. Dopo l’annuncio c’è chi rincorre Faticoni (che scappa dalla folla a bordo di una moto della municipale), chi ipotizza di occupare la stazione di Roma Termini, chi infine con grande enfasi propone di andare in massa a Lucca per staccare il segnale delle corse, mandando in tilt il sistema. Qualcuno sentenzia che l’unica soluzione è «sciogliere i cavalli, così devono vedersela con gli animalisti. Mi dispiace, ma siamo arrivati a questo». Un fantino avvilito è così costretto a cambiare lavoro, lo dice a tutti.

Si sente la mancanza di un referente politico. «Ma è mai possibile che siamo così tanti e non c’è un politico che ci ascolta?». L’altro allarga le braccia: «Eh, cosa vuoi, Andreotti è morto». Un volantino gigante con una foto sgranata quanto enigmatica (il volto del ministro Catania montato sul corpo di un cavallo) recita: “L’unico politico che amava l’ippica era il senatore Giulio Andreotti. Si ricorda a tutti i politici che l’ippica italiana ha una filiera di circa cinquantamila famiglie, venticinquemila voti. Questi voti vi fanno schifo?”.

Lascia un commento

Regione Campania, Commissione antimafia: presidente indagata per voto di scambio di stampo mafioso. Come se un sindaco ex giudice facesse apologia dell’anarchia.

flash

torna su

  • #000000
  • #FFFFFF
  • ----------
  • #1A181C
  • #1A181C
  • #006759
  • #A0D3C5
  • #00A48B
  • #1A181C
  • #000000
  • #FFFFFF
  • ----------
  • #1A181C
  • #004A3F
  • #006759
  • #A0D3C5
  • #00A48B
  • #004A3F
  • #000000
  • #FFFFFF
  • ----------
  • #1A181C
  • #004A3F
  • #006759
  • #A0D3C5
  • #00A48B
  • #006759
  • #000000
  • #FFFFFF
  • ----------
  • #1A181C
  • #004A3F
  • #006759
  • #A0D3C5
  • #00A48B
  • #A0D3C5
  • #000000
  • #FFFFFF
  • ----------
  • #1A181C
  • #004A3F
  • #006759
  • #A0D3C5
  • #00A48B
  • #00A48B