(disegno di cyop&kaf)

(disegno di cyop&kaf)

La polveriera

Ancora una volta si è dovuto verificare un drammatico fatto di cronaca per riportare all’attenzione nazionale la complessa vicenda di Castel Volturno, dove ormai da anni una numerosa comunità africana vive nell’abbandono più assoluto.

A qualche settimana di distanza dal ferimento di due ragazzi ghanesi abbiamo riletto le cronache dei quotidiani, le testimonianze e le dichiarazioni ufficiali provando a dare un ordine a quest’insieme di voci, ricostruendo i fatti, mettendo in evidenza i vari punti di vista e descrivendo quali sono state le decisioni prese dal governo per far fronte a questa nuova emergenza. Infine, abbiamo provato a raccontare la complessa realtà che caratterizza oggi Castel Volturno e abbiamo cercato di elencare alcune possibili politiche da intraprendere.

Domenica 13 luglio, Cesare Cipriano, un ragazzo di ventun’anni, ha sparato alle gambe di due ragazzi ghanesi ferendoli gravemente. Secondo quanto ha raccontato al giudice per le indagini preliminari, sarebbe intervenuto in difesa dello zio Pasquale, che poco prima aveva avuto un’accesa discussione con un ragazzo ghanese, Yussef, accusato di aver rubato una bombola di gas. Accusa che Yussef aveva respinto affermando che la bombola era di sua proprietà. Da lì è nata una discussione. In difesa di Yussef è intervenuto Nicolas, un connazionale che era lì di passaggio. La discussione è degenerata in una colluttazione. Poi, dopo una decina di minuti è sceso in strada Cesare Cipriano e ha sparato.

Pag. 2, 3, 4 e 5 – La polveriera Castel Volturno – Dopo il ferimento in estate di due africani e le manifestazioni contrapposte di bianchi e neri, il governo ha preso delle misure che riguardano l’ordine pubblico ma non gli investimenti, la salute, la convivenza. Attori e scenari di una situazione esplosiva.

Pag. 6 e 7 – Quarant’anni e quattro figli – Sposata e con un figlio, Maria è partita dalla Nigeria a sedici anni. Appena arrivata è stata venduta agli sfruttatori per cinquanta milioni e messa a fare la prostituta in strada. Da allora sono passati quasi trenta anni. Così, Maria racconta la sua storia.

Pag. 8, 9, 10 e 11 – Il Vangelo nell’altra Africa – Il comboniano Giorgio Poletti è arrivato a Castel Volturno nel 1994, di ritorno dall’Africa. Racconta l’impatto con la prostituzione, le messe in pineta per i tossici, le iniziative sempre più politiche, fino ai permessi di soggiorno “in nome di Dio”.

Pag. 12 e 13 – Viaggi al termine della notte – Emanuele viene dal Gambia. Voleva raggiungere la Grecia ma si è fermato a Castel Volturno. Negli anni Ottanta gli stranieri erano pochi. Ha cominciato a vendere droga. Poi è andato al nord, ha lavorato, ha smesso, è ricaduto. Infine è tornato.

Pag. 14 e 15 – Un’odissea di vent’anni – Domenica è arrivata in Italia dal Ghana nel 1992, a venticinque anni. Donna di servizio a Villa Literno, operaia in fabbrica a Brescia e Pordenone, poi il negozio di parrucchiera, l’import-export, un bar a Castel Volturno, un figlio e la voglia di tornare.

Pag. 16 e 17 – Ascoltare come prima cura – A colloquio con Gianni Grasso, medico di base, punto di riferimento per le donne africane che vivono a Castel Volturno. La necessità dell’ascolto, la pratica del consiglio, le strategie di una medicina povera che in questi anni ha aiutato migliaia di persone.

Pag. 18 e 19 – Dodici pollici – Libri: Camorra Sound, di Daniele Sanzone; Tra le macerie, di Davide D’Urso; I Buoni, di Luca Rastello. Giornalismi: Un archivio di storie contro i luoghi comuni. 

Con i testi di jefferson seth annan, salvatore porcaro, sara pellegrini, riccardo rosa, luca rossomando e i disegni di cyop&kaf, sam3, diegomiedo

( copertina di cyop&kaf )

Regione Campania, Commissione antimafia: presidente indagata per voto di scambio di stampo mafioso. Come se un sindaco ex giudice facesse apologia dell’anarchia.

flash
Loading Events

« All Events

  • This event has passed.

Canti di donne, poesie in versi e immagini

November 17, 2013

In occasione della Giornata internazionale per l’eliminazione della violenza contro le donne il collettivo lunAzione presenta il 1° concorso fotografico

“Canti di donne”… poesie in versi ed immagini – Il potere poetico della fotografia. La visionarietà dell’immagine mista al verso.

Il concorso ha lo scopo di mostrare, attraverso la commistione dei linguaggi fotografico e poetico, le infinite possibilità del femminile, le inesauribili poliedricità della donna, del suo universo e le sue multicolori sfaccettature. Si invitano i partecipanti a mostrare, attraverso un massimo di tre fotografie e un testo poetico, edito o inedito, la propria personale visione dell’enigma femminile, del mistero della donna.

Per partecipare è necessario inviare:

– da una a tre fotografie rappresentative del proprio stile fotografico e del tema richiesto
– un componimento poetico che accompagni le immagini

La coerenza della qualità, del linguaggio e dello stile dell’immagine e del componimento saranno uno dei parametri fondamentali di valutazione delle immagini stesse. Le fotografie potranno essere sia a colori che in bianco e nero, realizzate con qualsiasi tipo di fotocamera, su qualunque soggetto..

PARTECIPAZIONE

A partire dal 19/10/2013 sarà possibile partecipare al presente concorso inviando le immagine ed il testo all’indirizzo mail [email protected]
Al materiale verrà allegato anche un modulo dove si specificano i propri dati anagrafici e il proprio consenso sia al trattamento dei dati personali, a seguito della presa visione dell’informativa sulla privacy, sia all’utilizzo dell’opera per i soli fini concorsuali.
L’ invio e la partecipazione al concorso saranno possibili fino alle ore 13:00 del 17/11/2013
Le foto devono essere salvate in formato Jpeg RGB a 8bit, non devono essere superiori a 2Mb e la base non deve essere inferiore a 800px.  Le foto inviate verranno vagliate dalla direzione artistica e pubblicate sulla pagina facebook del concorso.
Fino al 19/11/2013 sarà possibile dare il proprio “like” agli autori, dato che è previsto un premio giuria popolare.  Caricando le proprie immagini l’autore garantisce di essere il solo ed esclusivo autore delle stesse, ai sensi della Legge n. 633 del 22 aprile 1941 e successive modifiche (recante la disciplina del Diritto d’Autore in Italia).
Le fotografie caricate rimarranno di esclusiva proprietà dell’autore, che autorizza gli organizzatori della manifestazione a utilizzarle a titolo gratuito, esclusi gli utilizzi per fini commerciali. La responsabilità sui contenuti caricati è da attribuirsi agli autori dei contenuti stessi.
Ciascun partecipante potrà partecipare al Concorso una sola volta.

MODI, TEMPI E CRITERI DI SELEZIONE DEI PARTECIPANTI ALLA FASE FINALE

Terminato il periodo di partecipazione, la direzione artistica, i cui componenti verranno resi noti in tempo utile, concluderà la prima fase di preselezioni in cui verranno individuati quindici concorrenti dalla direzione artistica della manifestazione, e cinque concorrenti selezionati in base alla giuria popolare che avrà opportunità di votare attraverso la pagina facebook.
I nomi dei concorrenti selezionati saranno resi noti entro il 20/11/2013 e le loro immagini saranno pubblicate in una sezione specifica della pagina dedicata alla manifestazione.

Ai selezionati verrà richiesto di far recapitare l’immagine, stampata in un formato massimo di 30×40 e incorniciata o da cornice o da passepartout, e il testo selezionato, su un supporto scelto dal partecipante, nella sede della manifestazione – Palazzo Venezia, via Benedetto Croce.

I finalisti, verranno premiati durante la serata finale dell’iniziativa e le opere dei dieci concorrenti vincitori rimarranno in esposizione fino al 01/12/2013 presso la sede di Palazzo Venezia. In più è prevista la pubblicazione di una delle opere, selezionata dalla redazione della testata Napoli Monitor sul sito internet del giornale: www.napolimonitor.it, previa soddisfazione dei requisiti minimi di qualità necessari secondo la redazione.

Ulteriori informazioni sulla manifestazione, che prevede inoltre diverse attività culturali, saranno pubblicate sulla pagina facebook: “Collettivo Lunazione” oppure è possibile telefonare ai seguenti numeri: 3487505032 – 3393172799.

Details

Date:
November 17, 2013

Regione Campania, Commissione antimafia: presidente indagata per voto di scambio di stampo mafioso. Come se un sindaco ex giudice facesse apologia dell’anarchia.

flash

torna su

  • #000000
  • #FFFFFF
  • ----------
  • #1A181C
  • #1A181C
  • #006759
  • #A0D3C5
  • #00A48B
  • #1A181C
  • #000000
  • #FFFFFF
  • ----------
  • #1A181C
  • #004A3F
  • #006759
  • #A0D3C5
  • #00A48B
  • #004A3F
  • #000000
  • #FFFFFF
  • ----------
  • #1A181C
  • #004A3F
  • #006759
  • #A0D3C5
  • #00A48B
  • #006759
  • #000000
  • #FFFFFF
  • ----------
  • #1A181C
  • #004A3F
  • #006759
  • #A0D3C5
  • #00A48B
  • #A0D3C5
  • #000000
  • #FFFFFF
  • ----------
  • #1A181C
  • #004A3F
  • #006759
  • #A0D3C5
  • #00A48B
  • #00A48B